Lavorare in sicurezza: come e perché

Lavorare in sicurezza: come e perché

Lavorare a stretto contatto con il pubblico comporta notevole numero di rischi per la nostra salute. Potrebbe accadere di dover eseguire un servizio su una cliente affetta da patologie altamente rischiose o contagiose senza esserne a conoscenza. Può capitare che la stessa cliente non sappia di avere quella malattia. Questo ci espone ad altissimo rischio, pertanto è necessario salvaguardare la nostra salute e quella delle nostre clienti adottando delle misure di sicurezza adeguate.

 

Durante la giornata lavorativa potremmo avere contatti con clienti affette da varie patologie, dalle più comuni come quelle fungine, o le verruche, l’ influenza sino a quelle più rischiose come l’HIV, epatite, virus di varia entità. E’ bene considerare che le clienti non sono legalmente tenute ad informarci, sebbene il buon senso dovrebbe portarle a farlo. Allo stesso tempo noi non possiamo chiedere alla cliente se affetta da una di tali patologie.

 

COME OVVIARE AL PROBLEMA?

È semplice, dovremmo trattare ogni cliente come se fosse portatrice di una tale patologia.

Oltre le possibili malattie un altro rilevante rischio è quello legato alla tipologia di lavoro, che comporta l’esposizione costante a polveri di limatura, vapori emessi dai prodotti utilizzati, sviluppo di possibili allergie dovute ad uno scorretto utilizzo dei prodotti stessi.

Vediamo, quindi, quali sono le misure da adottare per garantire una certa sicurezza all’interno di un Nails Center o di un centro estetico.

Premetto che uno degli strumenti più importanti è la conoscenza dei fatti e prodotti, per cui per lavorare in sicurezza è necessario innanzitutto formarsi. Detto ciò è importante ricordare di:

 

  1. utilizzare i prodotti professionali di alta qualità seguendo le istruzioni fornite dal produttore
  2. lavorare tenendo una postura corretta senza tenere la testa piegata, le braccia tese, le gambe piegate. Per questo basterà scegliere una sedia ergonomica e possibilmente regolabile in altezza, ben imbottita. Un poggiapiedi che permetta di non tenere le gambe penzolanti
  3. avere un ambiente di lavoro ben arieggiato e lavorare sempre con un buon aspiratore.
  4. indossare sempre una mascherina per polveri e dei guanti monouso da cambiare tra una cliente e l’altra
  5. lavarsi spesso le mani, e chiedere alla cliente di lavar le prima del trattamento
  6. smaltire correttamente rifiuti nell’immondizia sigillando bene sacchetto
  7. utilizzare il più possibile strumenti monouso, da gettare dopo unissimo l’utilizzo
  8. sterilizzare correttamente tutti gli strumenti in acciaio dopo ogni singolo utilizzo
  9. igienizzare l’intera postazione, inclusi poggia mano, poltrona, interno delle lampade UV/LED, tra una cliente e la successiva
  10. utilizzare prodotti specifici igienizzanti per la pulizia del salone.
  11. in presenza di sintomatologie evidenti evitare di eseguire il servizio e consigliare alla cliente di chiedere un consulto medico.
  12. nei periodi influenzali offri una mascherina anche alle clienti e chiedi loro di indossar la durante il trattamento, soprattutto a quelle che sembrano presentare dei sintomi anche se lievi.

 

 

Tenendo a mente queste semplici indicazioni lavorare in sicurezza sarà semplice ed efficace. Ricorda che rischiare la propria salute e quella delle propri clienti per risparmiare qualche minuto e qualche euro non vale la pena. Non si può tornare indietro!

 

È proprio il caso di dirlo, “prevenire è meglio che curare” e per la cattiva pubblicità non c’è cura.

Daniela Consani

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.